Qui Salute Donna

Parto, Sessualità, Menopausa

Le mutilazioni dei genitali femminili

simbolo contro l'infibulazione

simbolo contro l’infibulazione

 

Pubblichiamo per g.c. la Tesi di laurea della dott.ssa Silvia Carletti che tratta con chiarezza e completezza un tema probabilmente poco noto ma di grande importanza come l’infibulazione.  La legge vieta le mutilazioni genitali femminili, ma ancora molte donne continuano a sottoporsi a questa pratica,  aiutata, purtroppo anche in Italia, da alcuni medici che agiscono nell'illegalità.
"In Italia, ogni anno ci sono 2000-3000 bambine a rischio di essere infibulate". E' l'allarme lanciato da Aldo Morrone, direttore dell'Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà (Inmp).

 

INFIBULAZIONE di Silvia Carletti
L’ infibulazione ( dal latino Fibula, spilla ) è una mutilazione genitale femminile  che consiste  nell’ asportazione del clitoride, delle piccole labbra, in parte delle grandi labbra vaginali con cauterizzazione, cui segue la cucitura della vulva, lasciando aperto solo un foro che permette la fuoriuscita dell’ urina e del sangue mestruale.
Ha nascita esclusivamente culturale, ma oggi è adottata e praticata in molte società dell’ Africa, nella penisola araba e nel sud-est asiatico.
Le origini delle mutilazioni sessuali femminili sono legate a tradizioni dell’ antico Egitto ( da cui proviene il nome di infibulazione faraonica ) dove, nonostante questa pratica sia vietata, ancora oggi tra l’ 85% e il 95% delle donne abbia subìto l’infibulazione.
La Somalia, dove la pratica è diffusa al 98%, è stata definita dall’ antropologo Villenevue le pays des femmes cousues,  il paese delle donne cucite.
Sebbene non sia in nessuna sua parte richiesta dal Corano, l’ infibulazione è una pratica che si può riscontrare in alcuni paesi islamici ( parte dell’ Egitto, Somalia, Nigeria ed Eritrea) dove viene consigliata e spacciandola come sistema utile a mantenere intatta la purezza della donna. In Somalia ad esempio, una donna che non è infibulata, viene considerata impura e pertanto non riesce a trovare marito rischiando l’ allontanamento dalla società.
In Indonesia un’ associazione islamica sta finanziando campagne di infibulazione gratuita all’ interno delle scuole; così facendo  avrebbe già reso possibile l’ infibulazione del 96% delle bambine indonesiane.
silvia carletti

Dott.ssa Silvia Carletti

 

curriculum vitae


 

 

leggi la Tesi allegata

indietro

Collaboratori

Ricerca Esperti

 

Blog Qui Salute Donna

 

QUADERNI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLE MARCHE

 

Quaderni del Consiglio Regionale Marche

 

Manuale di supporto alla cura famigliare dell'anziano non autosufficiente

 

Scaricabile gratuitamente dal sito del Consiglio Regionale delle Marche.

Video della settimana

CORSO FORMAZIONE PER ASSISTENTI FAMILIARI A CASINE DI OSTRA - INIZIA IL 27 MAGGIO - MAX 30 PARTECIPANTI

 

Eventi

Nessuna notizia presente

Fonti

  • PUBMED
  • Salute Donna http://www.salutedonna.it
  • Saturni Letizia
  • AIMaC
  • ANLAIDS Onlus Sezione Marche
  • Nucleus medical media
  • Azienda Ospedali Riuniti Marche Nord
  • INAHTA International Networking of Agencies for Health Technology Assessment
  • IOM Ascoli Piceno
  • FNOMCEO
vedi tutte >>

Per le tue Donazioni

BANCA PROSSIMA

via Montebello 57/59

60121– ANCONA
C/C n° 1000/18966
intestato all’associazione
“QUI SALUTE DONNA Onlus”
IBAN IT77 TO33 5901 6001 0000 0018 966

Scrivi alla redazione

Per maggiori informazioni scrivici su info@quisalutedonna.it

5 X 1000

5 x mille

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.021 secondi
Powered by Simplit CMS